Archivi tag: no al carbone

Scoperto un fascicolo di 400 pagine che documenta l’inquinamento provocato dalla centrale a carbone di Vado Ligure

DENTRO QUALI CASSETTI?

Quattrocento pagine.

Non, poche. Difficili da nascondere, penserete?

Quattrocento pagine di documenti riferiti al biomonitoraggio ambientale prescritto dal Ministero dell’Ambiente nel 2006/2007 a Tirreno Power per consentire la costruzione del gruppo a ciclo combinato nel territorio di Vado Ligure, dove già da decenni esistevano i due gruppi a carbone, sforniti di autorizzazione integrata ambientale.Sei anni dopo la Rete savonese” fermiamo il carbone”, ne scopre l’esistenza e la comunica ai Comuni interessati: quelli di Vado e di Quiliano.Ovviamente i Sindaci attuali non sono quelli di allora, ma in quei Comuni nessuno sa niente.

Niente sa l’assessore di allora Verdino che sostiene di essere venuto a conoscenza, allora, dello studio dell’IST, che non era certo foriero di buone notizie.

Il responsabile dell’ufficio ambiente del Comune di Vado, Sandro Berruti, sostiene di aver chiesto , per tempo, ad ARPAL i risultati dello studio, e  che questi , prima di essere utilizzati devono essere rielaborati da tecnici specializzati di cui il Comune non dispone e che , l’inquinamento di cui si parla non è diffuso, ma concentrato solo in alcune zone e quindi difficile da correlare ad attività presenti sul territorio.

Ma qui non si parla d’inezie, né delle solite sostanze che spesso vengono correlate al traffico cittadino .

Qui si parla di un altissimo tasso d’inquinamento da metalli pesanti, soprattutto riscontrato nei licheni in quasi tutto il territorio che gravita intorno alla centrale a carbone.

Qui si parla di: continua a leggere l’articolo su Trucioli Savonesi

Campagna del WWF “No al carbone, Sì al futuro”

Firma la petizione del WWF contro il carbone … clicca qui

SABATO 29 OTTOBRE DICIAMO TUTTI NO AL CARBONE!

 

 

 

CLIMA E CENTRALI A CARBONE – da http://unitiperlasalute.blogspot.com

IL GEOLOGO LANCIAVA L’ALLARME GIA’ NEL 1994

E’ cambiato il clima in Liguria? Ma sì,ce ne siamo accorti tutti, specialmente negli ultimi anni. La colpa? Delle tre centrali dell’Enel che funzionano lungo le coste della Riviera(Genova, Vado Ligure e La Spezia) specie da quando le ultime due sono passate ad un’alimentazione a carbone. Continua a leggere