Comunicato di Made in NO … a rischio di chiudere per mancanza di fatturato.

Pubblichiamo il comunicato di Made in No sulla situazione critica del progetto.

Cari gasisti e gasiste, amici e amiche della rete di economia solidale,

vi giriamo questo comunicato che abbiamo inviato alle reti Gas nazionali, con in fondo una precisazione per i Gas già attivi con noi.

sono passati diversi anni dalla nascita di MADE IN NO, il progetto bio-equo e solidale nato in rete per attuare un modello di economia diversa in un settore complesso come quello tessile.

Oggi, nel pieno di una crisi che colpisce duramente il mondo delle piccole imprese e del lavoro,  siamo obbligati a fermarci e guardare con coraggio gli esiti di questo esperimento economico e sociale che non è mai diventato vera “impresa”.

Guardare con coraggio significa prendere atto che Made in No è lontanissimo dal livello di sostenibilità economica necessario a garantire la sussistenza dignitosa dei suoi attuatori economici. Non solo. Per l’assenza di un’adeguata base economica che senza mezzi termini si chiama fatturato di equilibrio, è anche lontano dalla possibilità stessa di mantenere la promessa con cui è nato: essere una filiera produttiva totalmente equa ed ecologica dal campo alla distribuzione. Le ragioni sono molte, complesse e interconnesse.

Ci interessa evidenziarne alcune prioritarie:

1.      la difficoltà strutturale a coinvolgere i Gas (dai e per i quali il progetto è nato) in un rapporto continuativo e certo, in grado, da un lato, di soddisfare le aspettative di servizio, informazione e partecipazione, e dall’altro di generare i volumi di produzione necessari a sostenere i produttori

2.      la difficoltà strutturale a individuare, raggiungere o organizzare un sistema di distribuzione efficace, alternativo alla grande distribuzione e coerente con l’etica insita nel progetto, ma capace di arrivare ai “mercati” anche esterni alla rete dei Gas, per garantire una massa critica indispensabile

3.      l’assenza di uno spazio strutturato all’interno delle reti di economia solidale finalizzato a supportare filiere complesse come questa che si muovono necessariamente su un livello nazionale e declinano in maniera diversa i concetti di mercato locale e di prossimità

4.      la difficoltà a mantenere la produzione a buoni livelli di qualità su diversi livelli (eco‑compatibilità, salubrità, ma anche estetica e durata), mantenendo nel contempo prezzi accessibili a famiglie con redditi non alti o ormai incerti

Per queste ragioni in particolare, dobbiamo dichiarare l’esperienza Made in No conclusa nella sua connotazione originaria e ci proponiamo di aprire una fase di radicale ripensamento che ci auguriamo possa costituire elemento di confronto allargato a tutti coloro che in questi anni hanno camminato con noi. Perché il bilancio e l’eventuale evoluzione di questa iniziativa economica solidale non appartiene solo a noi, ma al movimento italiano dell’economia solidale.

Pertanto il progetto Made in No  – nella sua configurazione attuale – si ferma. Auspichiamo che questo stop possa trovare spazio di discussione all’assemblea nazionale Gas/Des che si terrà in Puglia a fine giugno.

Per favorire lo smaltimento degli stock di filato e di prodotti semilavorati a sostegno dei produttori in forte sofferenza economica e finanziaria, apriamo una finestra d’ordine per tutti i gas italiani, che potranno ordinare su un catalogo di prodotti ristrutturato

Si accetteranno ordini fino al 30 giugno e la consegna sarà effettuata entro il mese di settembre.

Dal 6 maggio sarà on-line il catalogo modificato. Al link www.made-in-no.com/documenti/RiflessiMadeInNo-ListinoGas-disponibilita.xls è disponibile per il download il modulo per fare gli ordini da inviare per e-mail. L’indirizzo e-mail di riferimento è sempre assistenza@made-in-no.com.

Desideriamo però limitare i disagi dei gruppi che stanno lavorando a raccogliere ordini sui cataloghi di disponibilità da noi distribuiti nei mesi scorsi.

Vi segnaliamo dunque che Made in No CONTINUERA’ A CONSEGNARE SUL CATALOGO COMPLETO (http://www.made-in-no.com/documenti/RiflessiMadeInNo-ListinoGas_RaccoltaOrdini.xls) tutti i Gas che stanno attualmente raccogliendo intenzioni d’acquisto sul precedente listino.

Speriamo che i prossimi mesi servano a accendere nuove prospettive collettive e concrete di sviluppo, senza le quali Made in No non potrà continuare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...